6 IDEE PER LA PANZANELLA TOSCANA

Della panzanella toscana ho scritto più volte e continuerò farlo perché questo semplice piatto contadino originario delle campagne intorno a Firenze è uno dei miei cavalli di battaglia nei mesi caldi. Facilissima da preparare, composta da ingredienti sani e leggeri, perfetta per riciclare il pane raffermo, la panzanella toscana è un asso nella manica che calo spesso e volentieri quando in casa e in giardino si boccheggia per il calore.
In genere mi attengo alla ricetta originale della panzanella toscana, ma di tanto in tanto mi capita di portare in tavola il piatto con qualche gustosa variante. Ecco, quindi, 6 idee supercollaudate  per servire e gustare una panzanella toscana un po’diversa dal solito. Gli ingredienti di base sono sempre quelli della ricetta tradizionale (la trovate qui), si tratta solo di fare qualche aggiunta o qualche sostituzione). Poche mosse e il piatto cambia faccia!

1) Panzanella con i capperi, come la prepara la mia vicina di casa (qui la sua ricetta) aggiunge alla sua panzanella toscana dei capperini sott’aceto. Il risultato è piacevolmente “aggressivo”. Ai capperi ogni tanto Artura unisce anche del tonno sott’olio, qualche filetto d’acciuga sott’olio e del sedano a rondelle che va a sostituire il cetriolo (che non tutti amano). Il discorso sul risultato non cambia: così modificata la panzanella toscana è più grintosa.

 
2) Panzanella toscana “caprese”. Come recita il nome, qui andiamo di mozzarella. Meglio se fiordilatte, da aggiungere a pezzetti a misura di boccone agli ingredienti base, tranne il cetriolo che va eliminato.

 
3) Panzanella toscana di mare/1. Questa è una versione che si incontra facilmente sulla costa maremmana. La ricetta prevede la sostituzione del cetriolo con rondelle di cuore di sedano e l’aggiunta di cozze ripassate in padella con olio e aglio e gamberi rosolati con olio e cipolla tritata.

 

4) Panzanella toscana di mare/2. Altra possibilità al gusto di mare: ammollare il pane in acqua salata, aggiungere i soliti ingredienti tranne il cetriolo (sostituito da rondelle di sedano), poi vongole e cozze ripassate in padella con olio e aglio e dei calamari tagliati a rondelle rosolati con olio e cipolla tritata. Il liquido delle cozze e vongole va filtrato e aggiunto al pane per ammorbidirlo.

 

5) Panzanella toscana con avocado. Questa è una versione un po’ esotica del piatto, che assume così toni morbidi e ricchi. Il cetriolo va sostituito con pezzetti di polpa di avocado a misura di boccone, spruzzati con qualche goccia di aceto. Oltre alla cipolla va aggiunto anche uno spicchio d’aglio tritato finemente (o spremuto). Anche qualche oliva nera denocciolata ci sta moto bene.

 

6) Panzanella toscana “ortolana”. In questo caso i pomodori vanno sostituiti con pomodorini ciliegia divisi in due parti e cotti in forno a 100° per un’ora dopo averli insaporiti con un pizzico di sale, un pizzico di zucchero e un filo d’olio. Il cetriolo è sostituito con zucchine tenerissime cotte a vapore e tagliate a rondelle o grigliate dopo essere state tagliate longitudinalmente. Nel condimento va aggiunto uno spicchio d’aglio tritato finemente. La cipolla rossa può essere sostituita da un cipollotto fresco.

pomodori, pane cetriolo e olio su piano di legno bianco

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Share This