ALCHECHENGI NELL’INSALATA: SALUTE E COLORE

Alchechengi: sana new entry nelle mie insalate

Gli alchechengi, che in molti chiamano anche alkekengi o chichingeri (ma il loro nome botanico, magari lo avete già sentito, è Physalis alkekengi), sono bacche autunnali  provenienti da una pianta della famiglia delle Solanacee. La stessa dei pomodori e delle patate per intenderci. In Italia purtroppo non le si trova in vendita con la stessa facilità con cui le si trova in Germania e in Austria, ed è un peccato perchè sono davvero deliziose. E poi fanno un gran bene, visto che sono ricche di vitamina C (il doppio dei limoni!) e sostanze antiossidanti. Sono anche purificanti, in particolare per quanto riguarda fegato e reni.

Ma ve ne parlo qui per il loro sapore, molto particolare, leggermente asprigno, che per certi aspetti ricorda quello dei lamponi e per altri quello dei pomodori. Io adoro gli alchechengi . Mi piace liberarli dall’involucro similcartaceo delle loro foglie per mangiarmeli come piccole caramelle. In questo periodo ne tengospesso  una ciotolina a portata di mano mentre guardo la televisione o leggo, dopo cena.

 

<img class="aligncenter wp-image-6094 size-large" src="http://insalatamente viagra g.com/wp-content/uploads/2016/09/alchechengi-1024×763.jpg” alt=”alchechengi alkekengi su piano di legno” width=”1024″ height=”763″ srcset=”http://insalatamente.com/wp-content/uploads/2016/09/alchechengi.jpg 1024w, http://insalatamente.com/wp-content/uploads/2016/09/alchechengi-300×224.jpg 300w, http://insalatamente.com/wp-content/uploads/2016/09/alchechengi-768×572.jpg 768w” sizes=”(max-width: 1024px) 100vw, 1024px” />

Alchechengi e…

Ma nell’insalata gli alchechengi non li avevo mai messi. Non chiedetemi perchè, ma è andata così, anche se da tempo volevo provare a farlo. E oggi è stata la giornata giusta, visto che ne avevo un bel cestino comprato ieri al supermercato. Ho pensato subito a un’insalata “sana”, che oltre ad essere buona potesse fare bene, vista la carica di vitramina C che gli alchechengi portano con sè. Poi la volevo leggera, perchè doveva essere un’insalata da ora di pranzo, quindi un qualcosa che non appesantisse.

Non avendo in casa degli spinaci novelli, che pure avrei visto perfettamente in questa preparazione, ho ripiegato su dell’indivia riccia dal gusto leggermente amarognolo. Un accostamento  originale con il gusto degli alchechengi. Poi un tocco di colore e di dolcezza con delle carote tagliate a julienne. Una manciata di mandorle per aggiungere croccantezza (e contrastare l’insorgenza del colesterolo “cattivo”), il condimento giusto e…il gioco  era fatto.

Finalmente anche un’insalata con gli alchechengi nella mia vita da insalatologa!

 

Insalata con alchechengi

Preparazione: 15 minuti

Cottura:-

 

Ingredienti per 4 persone

4 manciate di foglie di indivia riccia ( o lattuga, o  spinaci novelli)

1 carota tagliata a julienne

100 gr. di alchechengi tagliati a metà o in quarti

una manciata di mandorle tritate grossolanamente

olio extravergine d’oliva

2 cucchiai di succo fresco di limone

miele (molto liquido)

sale

 

Spezzettate le foglie da insalata nell’insalatiera. Aggiungete la carota e  gli alchechengi. Condite con la citronette preparata emulsionando 5 cucchiia di olio, il succo di limone, 1 cucchiaio da tavola colmo di miele e una presa di sale. Mescolate con cura, cospargete con le mandorle e portate subito in tavola.

A piacere potete aggiungere una manciata di cavolo cappuccio rosso affettato finemente,oppure un avocado tagliato a dadini, o del formaggio tipo Brie a cubetti.

insalata con alchechengi in ciotola bianca

 

 

 

 

Salva

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *