BARCHETTE DI LATTUGA PER PASQUA

BARCHETTE DI LATTUGA PER PASQUA

Pranzo di Pasqua e festeggiamento di Pasquetta in dirittura d’arrivo, siete pronti? Non posso non farvi una proposta anch’io per queste occasioni, ecco dunque le mie barchette di lattuga, nel caso specifico con code di gambero  e avocado, ma che potete facilmente declinare in mille altri modi. Eh sì, perchè le barchette di lattuga  (ma si può facilmente declinare anche in barchette di radicchio, usando delle foglie di radicchio di Chioggia o di radicchio precoce di Treviso), sono sempre una soluzione originale per servire una piccola insalata come antipasto nei giorni di festa o quando si hanno ospiti a cena. E Pasqua è l’occasione giusta per sciorinarle conquistando i complimenti degli ospiti! Per prepararle oggi ho utilizzato delle foglie di cuori di lattuga romana, un tipo di foglia che amo particolarmente per la consistenza e la croccantezza (e che si presta bene a diventare “barchetta” in piatti che saranno serviti qualche ora dopo, a temperatura ambiente). Certo, potete utilizzare anche dei cuori di lattuga cappuccio, ma sono molto meno consistenti,  in questo caso dovete prepararle e servirle quasi subito altrimenti appassiscono per via del condimento.   Barchette di lattuga con gamberi e avocado Preparazione: 15 minuti Cottura: 2 minuti   Ingredienti per 4 persone 12 foglie di cuori di lattuga romana 24 code di gambero (piccole) precotte 1 grosso avocado maturo ma non troppo 12 pomodori ciliegini o datterini 8 ravanelli olio extraverigine d’oliva 4 cucchiai di succo di limone + quello che vi servirà per spruzzare l’avocado 1 cucchiaino da tè di buccia grattugiata di limone (non trattato) 1 cucchiaino da tè di miele peperoncino in polvere 2...
3 CONSIGLI PER INSALATE SEMPRE FRESCHE

3 CONSIGLI PER INSALATE SEMPRE FRESCHE

3 consigli da seguire con attenzione  se volete essere certi di portare sempre  in tavola delle insalate freschissime. Sto parlando di foglie, ovviamente, quella componente dell’insalata che è più suscettibile a deterioramenti e  avvizzimenti , quell’ingrediente che se non arriva in tavola nella migliore delle condizioni a ragione fa arricciare il tavolo e dire “no grazie!” all’insalata offerta. 3 consigli facili da seguire che vi permetteranno di avere nell’insalatiera delle foglie sempre carnose e croccanti, sempre appetitose e ricche di sapore (oltre che di proprietà nutritive intatte). Il bandolo della faccenda sta nella conservazione delle foglie stesse. Se si parte male, statene certi, vi ritroverete in men che non si dica con foglie sciupate o afflosciate che non meritano altro che finire nel bidone della spazzatura.   #1 Attenzione al momento dell’acquisto! Il primo dei miei  consigli dovete averlo bene  in mente nel momento in cui, al supermercato o al mercato, state per scegliere un bel cespo di insalata: dovete fare sempre attenzione a cosa si trova attorno al cespo stesso. Se ci sono delle mele, dei pomodori, dei manghi, dei meloni, o degli avocado, è meglio rinunciare all’acquisto (o orientarsi su altre foglie, magari anche in busta,  situate un po’ più in là). Questi frutti, infatti, rilasciano etilene, un ormone vegetale gassoso che innesca un processo di rapida maturazione nei frutti sensibili che gli stanno intorno. Nel caso delle nostre foglie da insalata si traduce in appassimenti e colorazioni gialle tutt’altro che belle da vedere.   #2 Durezza delle foglie Altra regola d’oro per poter contare sempre su foglie freschissime: più consistenti , diciamo pure dure, sono le...
L’INSALATA LEGGERISSIMA

L’INSALATA LEGGERISSIMA

Voglia di un’insalata leggerissima ma ricca di sapore? Di un’insalata leggerissima che possa accompagnare un sostanzioso piatto di carne (se la mangiate), per esempio un roastbeef o un’arista al forno come quelle che si fanno dalle mie parti in Toscana? Di un’insalata rinfrescante da consumare dopo un primo un po’ troppo ricco di calorie? Di un’insalata piatto unico per il pranzo o la cena dopo un pasto in cui avete esagerato un po’? Siete arrivati al posto giusto, perchè la ricetta che vi voglio proporre oggi è proprio un magnifico esempio di insalata leggerissima. Leggerissima ma con sapore, insomma, non dell’erbetta da brucare e basta. Leggera a cominciare dalle foglie, perchè ho scelto  di accostare nell’insalatiera delle foglie di Red chard (sì, proprio la bietolina che viene coltivata per le foglie anzichè per le radici, se non la conoscete leggete qui), della rucola e della portulaca coltivata (che in Italia si trova poco, ma che è buonissima, potete sostituirla  tranquillamente con del songino o con degli spinaci novelli). Sono foglie molto saporite, con un delizioso gusto piccantino, soprattutto la rucola,  ma senza quelle note amare che non sono gradite a tutti. Ma quest’insalata leggerissima oltre a non appesantire e a stuzzicare il palato è anche un bell’aiuto a mantenerci sani e in forma. A completare il gusto apportato dalle foglie ho, infatti, aggiunto gherigli di noci, mandorle, arachidi e nocciole:tutti semi ricchi di sali minerali e di vitamine, oltre che di grassi insaturi che riducono il rischio di cardiopatie e di aterosclerosi (e contrastano la formazione del colesterolo “cattivo!).   Insalata leggerissima con noci, mandorle, arachidi e nocciole Preparazione:...
UN’INSALATA LEGGERA PER LE FESTE

UN’INSALATA LEGGERA PER LE FESTE

Che ne dite, cominciamo a pensare a qualche insalata da portare in tavola durante le feste? Cominciamo a mettere a fuoco qualche idea che non sia la solita insalata russa o l’insalata di rinforzo se abitate a Napoli e dintorni? Il primo suggerimento che vi servo è un’insalata leggera, leggerissima, che si prepara in dieci minuti (e già questa è una bella cosa visto che nei giorni di festa si corre più che negli altri giorni). Non solo si prepara velocemente, ma quest’ insalata è anche molto buona e fa bene, visto che alle foglie verdi accosta un  ingrediente che non dovrebbe mai mancare nella dieta invernale: le  albicocche secche, ricche di potassio, vitamina A, vitamina C e fibre , il che ne fa un alimento ideale per chi soffre di spossatezza cronica, per chi fa sport, per la salute delle ossa, per contrastare gli odiosissimi radicali liberi e per  favorire la regolarità intestinale. Potete servirla come antipasto leggero, o come contorno per accompagnare un piatto di carne, ad esempio un tacchino o un cappone arrosto.   Insalata con albicocche secche e pistacchi Preparazione: 10 minuti Cottura: 1 minuto (tostatura dei pistacchi)   Ingredienti per 4 persone   280 gr. di foglie miste da insalata (lattuga cappuccio, romana, lattughino, rucola…) 60  gr. di albicocche secche 40 gr. di pistacchi tritati olio extravergine d’oliva aceto di vino rosso o balsamico (io preferisco il primo) 2 cucchiaini da tè di senape forte 1/2 cucchiaio di miele 1 cucchiaino da caffè di zucchero (meglio se di canna) sale pepe nero al mulinello   Mettete le albicocche a mollo in acqua tiepida. Intanto...
I CACHI MELA NELL’INSALATA

I CACHI MELA NELL’INSALATA

La prima cosa che salta all’occhio dell’insalata che vi propongo oggi è il colore, l’arancione brillante dei cachi mela che sono gli ingredienti caratterizzanti  caratterizzante del piatto. Era un po’ che giravo intorno all’idea di preparare un’insalata con questi frutti tipicamente autunnali. Forse perchè quest’anno i cachi mela (anche detto cachi vaniglia)  stnnoa incontrando un grande successo -come mi ha detto un esperto del settore ortofrutta con cui chiacchieravo qualche giorno fa. In altre parole: i cachi mela quest’anno vanno di moda, e questo trend evidenemente è arrivato anche nella mia cucina. D’obbligo, quindi, prenderli in considerazione anche per le nostre insalate, e non solo per la magnifica nota di colore che aggiungono. Chi conosce questi  frutti che vanno gustati ben croccanti sa, infatti, che ha nnoun delizioso sapore che ricorda quello dello zucchero di canna. Combinati ad altri ingredienti aggiungono ai piatti una nota di gusto molto particolare.   Insalata con cachi mela e noci   Preparazione: 15 minuti Cottura: 2 minuti per la tostatura dei gherigli di noce   Ingredienti per 4 persone 180 gr. di foglie di lattuga verde e rossa miste 2 cachi mela 12 gherigli di noce 3 cucchiai di succo fresco d’arancia 1 e 1/2  cucchiai di aceto balsamico 5 cucchiai di olio extravergine d’oliva 1 cucchiaino da caffè di senape delicata 1 cucchiaino da tè di miele molto liquido sale pepe nero macinato al momento   Mondate, lavate e asciugate le foglie di lattuga, poi versatele in un’insalatiera. Lavate, asciugate e tagliate a fettine sottili i cachi. Sta a voi decidere se pelarli o meno, personalmente li preferisco con la buccia, sono...
CASTAGNE  E CAROTE NELL’INSALATA AUTUNNALE

CASTAGNE E CAROTE NELL’INSALATA AUTUNNALE

  Le castagne nell’insalata sono uno dei must della cucina insalatofila autunnale. L’abbinamento tra questi saporiti frutti e foglie verdi o altri ortaggi è, infatti, sorprendentemente delizioso. Qualche giorno fa, ricorderete, ho postato qui una ricetta che prevedeva di accostare nell’insalatiera castagne, foglie verdi di vario tipo e mele rosse. Ebbene,  quel post è già diventato uno dei post di culto di questo blog. Non avete idea delle visite a InsalataMente e dei messaggi scatenati da quel post, posso solo dire che sono felice di aiutarvi a riscoprire la straordinaria  versatilità della frutta e della verdura. Tutto questo per spiegarvi perchè anche oggi ho scelto di proporvi la ricetta di un’ insalata in cui le castagne hanno un ruolo da protagoniste. Anche in questo caso si tratta di un’insalata leggera, sana, che si prepara in pochi minuti se avete già in casa delle castagne lesse (così non fosse, lessate questi frutti autunnali in abbondante acqua salata aromatizzata con un paio di foglie d’alloro per circa 45 minuti o fino a che, comunque, risultano tenere). Nell’insalatiera  oggi trovano posto insieme castagne e carote per  una precisa ragione, che è quella della leggera nota dolce che accomuna questi frutti e questi ortaggi. A “contrastarla” ci pensa il condimento piuttosto agro. Come vedrete, questa ricetta può essere declinata con alcune varianti. Con la stessa base, in pratica, potrete portare facilmente in tavola tre piatti ben diversi (mica male, eh?).   Insalata con castagne e carote Preparazione: 15 minuti Cottura: – (a meno che dobbiate cuocere le castagne, in questo caso calcolate 45 minuti circa)   Ingredienti per 4 persone 12 castagne lesse...

Pin It on Pinterest