IL COLESTEROLO SI COMBATTE ANCHE CON L’INSALATA

Il colesterolo è una brutta bestia, combattiamolo anche con quello che mettiamo nel piatto

Il colesterolo alto, cioè oltre i 240 mg/dl, ipercolesterolemia è il termine medico usato in queste situazioni, è una delle una delle patologie più pericolose che affliggono la nostra società del benessere. Per contrastarlo è necessaria una vita sana, non sedentaria, e un’alimentazione “intelligente”, nella quale molti degli ingredienti tipici delle insalate che noi tanto amiamo possono fare la parte del leone.

Prima di vedere quali sono, fatemi dire qualcosa a proposito della “bestiaccia”: il colesterolo.

Come sapete il colesterolo è un grasso presente nel nostro sangue,  prodotto dall’organismo ma anche dagli alimenti che consumiamo, che ha diverse funzioni nell’organismo. Tra l’altro aiuta a produrre la vitamina D, è utile al benessere delle ossa,  è parte del processo di digestione e favorisce la formazione di ormoni importanti come gli estrogeni e il testosterone.

Ci sono, però, 2 tipi di colesterolo, e uno dei due non è per niente amico della nostra salute. Si tratta del colesterolo “LDL”, che viene anche chiamato “ il colesterolo cattivo” perché si deposita sulle pareti delle nostre arterie mettendoci a rischio di patologie cardiovascolari come l’infarto cardiaco e l’ictus cerebrale, ma anche di arteriosclerosi. Malattie che nessuno vuole trovarsi ad affrontare.

L’altro, “il colesterolo buono”,  aiuta invece  a rimuovere  il colesterolo dai vasi per portarlo al fegato che provvede poi ad eliminarlo.  È bene, quindi, che sia presente in buona quantità.

 

alimenti adatti a contrastare il colesterolo

L’alimentazione è un fattore chiave per contrastare l’insorgenza della ipercolesterolemia. E per noi insalatofili il gioco è facile. Mettendoci nel piatto ogni giorno due belle (e buone) insalate abbiamo la quasi certezza di poter evitare il problema (sempre che poi non ci si strafoghi di alimenti che invece strizzano l’occhio alla bestiaccia, come salumi, grassi di origine animale, carni rosse, frattaglie, burro, panna, strutto…Dai, li conoscete benissimo anche voi, ormai tante volte ne avete sentito parlare.

Nell’insalatiera

Per combattere il colesterolo possiamo (e dobbiamo) riempire le nostre insalatiere di frutta e verdura fresca , gherigli di noci e altri semi come quelli di  girasole, zucca  e lino, legumi (ottimi i lupini contro il colesterolo!), cereali come il  riso integrale, orzo, farro. Bene anche la pasta, meglio se è integrale.

Arricchiamo le insalate con formaggi magri, ad esempio i fiocchi di latte, e con pesce, evitando però i molluschi e i crostacei. Chi mangia carne,  può aggiungere alle proprie insalate dei dadini o degli sfilacci di  pollo o di  tacchino  senza pelle. Uova con moderazione.

Per condire: via libera all’olio extravergine d’oliva,  ma, se vi piacciono, anche  gli oli di semi di girasole, di arachidi o di mais. Benevuto tra i condimenti da insalata all’olio di riso, cui diversi studi scientifici attribuiscono proprietà anticolesterolo. Poi aceti, succo fresco di limone o di altri agrumi, erbe aromatiche, spezie e sale (senza esagerare).

insalata per contrastare il colesterolo su piatto bianco

 

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Share This