CUCINA SIRIANA: LA SALATA

Viene chiamata “salata“, che significa semplicemente “insalata”, l’insalata più tradizionale della cucina siriana. Oggi ho deciso di raccontarvela  quale omaggio alla cultura di un popolo che in questi momenti sta soffrendo davanti agli occhi della comunità internazionale. Non è molto, lo so, ma è quello che posso fare dalle mie pagine. E, comunque, la mia passione per le insalate mediorientali non è una sorpresa per i lettori di InsalataMente.

La “salata”, dicevo, è l’insalata che in qualsiasi giorno dell’anno in Siria ci si trova davanti  in accompagnamento al piatto principale del pasto, ad esempio una Maqluba (riso, carne e verdure, tutto molto speziato) o una  Mujaddara ( lenticchie con riso o grano accompagnate da cipolle fritte).  Un grande classico della cucina siriana (viene chiamata anche “insalata araba)  che ha il compito di rinfrescare la bocca avvolta da sapori decisi. Come tutte le insalate della cucina siriana è un mix di sapori variegato che deriva da ingredienti tagliati a piccoli pezzi.  E questa è proprio una caratteristica delle insalate di questo Paese: il taglio minuzioso (se non addirittura la tritatura) di tutto quello che finisce nel piatto dell’insalata: non  troverete mai uno spicchio di pomodoro o una spessa rondella di cetriolo o una foglia di lattuga lasciata intera.

Mix di ingredienti, dicevo. Nella “salata” si trovano ingredienti freschi sempre diversi, dipende da quello che si trova a portata di mano chi sta cucinando. La versione che vi propongo  è la più semplice e la più  tradizionale, replicabile in qualsiasi periodo dell’anno (ma dalle nostre parti, ovviamente, dà il meglio di sè nei mesi estivi).

 

fetta di cetriolo accanto a mandolina

Salata (Insalata araba)

Preparazione: 15 minuti

Cottura: –

 

Ingredienti per 4 persone

4 pomodori di media grandezza ben sodi (io vi consiglio dei Cuore di bue)

1 cipolla di media grandezza, circa 80 gr. (bianca o rossa)

1 peperone verde

1 cetriolo piuttosto grande

2 cucchiai ben colmi di prezzemolo tritato

una manciata di foglioline di menta

olio extravergine d’oliva

il succo di un limone

sale

 

Sbucciate la cipolla, lavatela e asciugatela. Lavate e asciugate anche  gli ortaggi e le foglie di menta. Tagliate i pomodori, il cetriolo, il peperone e la cipolla  a cubetti molto piccoli. La mandolina di cui vi ho parlato ieri è un ottimo aiuto anche in questa occasione.

Potete evitare di sbucciare il cetriolo se si tratta di un cetriolo a buccia liscia. Potete anche decidere se eliminare la parte centrale con i semi, o meno.  Tritate la menta finemente. Versate tutti gli ingredienti in un’insalatiera, aggiungete la menta e il prezzemolo e condite con 6 cucchiai abbondanti di olio, il succo di limone e una presa di sale. Mescolate con cura e tenete l’insalata in frigorifero fino al momento di servire.

Tutto qui!

Sahten (che in arabo significa “buon appetito”)!

 

cucina siriana: salata  in ciotola di ceramica su piatto blu

 

 

 

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Share This