ECCO GLI STRIGOLI DI ROMAGNA

Gli strigoli di Romagna nella mia insalatiera (e non solo)

Conoscete gli strigoli? Sono un’erba spontanea commestibile conosciuta sin dalla notte dei tempi, molto apprezzata in cucina.  Io fino a due settimane fa  la conoscevo con il suo nome botanico, Silene vulgaris Ho scoperto il nome popolare “strigoli” (che può diventare anche “stridoli” sottolineando il fatto se se si fanno scorrere le dita sul fusto la pianta emette una sorta di stridio) quando sono stata invitata alla cena di un’interessante azienda agricola, la Sipo, in occasione dell’ultima edizione di Macfrut.

Macfrut, per chi non lo sapesse, è la più importante fiera professionale del settore ortofrutta in Italia, che si tiene ogni anno a Rimini. Il Paese dei balocchi per l’insalatologa qui scrivente.

Quest’anno, però, per una serie di impegni che non potevo postporre , niente fiera. Ma ho accettato comunque l’invito di Massimiliano Ceccarini della Sipo  per partecipare alla loro cena ufficiale per la fiera, in un locale di Bellaria. Toccata e fuga da Monaco in 24 ore, giusto prima di ripartire per un altro viaggio (che fatica!!!).

Devo confessare che al momento dell’invito  non avevo capito cosa mi sarei trovata davanti in quella serata, che aveva come madrina Anna Falchi (bella, simpatica e professionale).  E, invece, sorpresa! è stata l’occasione per scoprire un bel progetto ortofrutticolo. Un progetto cui auguro tanta fortuna, e che riguarda-anche-gli strigoli.

Massimiliano Ceccarini e Anna Falchi

In occasione della cena (e della fiera, si intende) l’azienda ha, infatti,  lanciato una linea di ortaggi tipici del territorio romagnolo battezzata Verdure di Romagna.  Un bel modo per premiare una Penso che la troverete presto nei supermercati (o almeno me lo auguro perchè mi piace l’ idea che c’è dietro). Nelle vaschette etichettate come potete vedere qui sotto (foto orrenda, ma l’iphone alla sera fa foto orribili) ci sono:   finocchi, carote, foglie di insalata, barbe del negus (o lischi), cipolle, porri e tanti altri ortaggi tra cui, appunto, gli strigoli.

 

etichetta di confezione di strigoli

 

Durante la cena abbiamo assaggiato diversi piatti preparati esclusivamente con gli ortaggi della linea appena presentata. Cena preparata da Carla Casali, chef vegana.  Non male, nel complesso.  Mi sono piaciuti soprattutto gli spaghetti al farro con strigoli e granella di agrumi. Eccoveli qui sotto.

spaghetti di farro agli strigoli

Dopo la serata  mi sono portata a casa una confezione di strigoli. Non hanno patito neppure troppo il viaggio in aereo.  Me li sono goduti in un’ottima frittata. Prima li ho lavati, asciugati, ho staccato le foglioline dai gambi e le ho ripassate in padella con poco olio. Tolte dalla padella, le ho tritate grossolanamente. Poi  le ho rimesse nella padella con le uova sbattute, un pizzico di noce moscata, parmigiano reggiano, sale e pepe. Buonissima!

foglie di strigoli in lavaggio

Ma adesso vi dico qualcosa di più sugli strigoli, se ancora non li conoscete.  Così vi verrà voglia di provarli, ne son certa.

Strigoli

Nome botanico: Silene vulgaris

Nomi popolari: strigoli, stridoli, schioppettini, sonaglini, bubbolini, carletti, tagliatelle della Madonna, strisci , cuiet (in Piemonte), concigli (in Umbria).

Proprietà nutritive: sono ricchi di vitamina C, sali minerali e fenoli (più degli spinaci) . Sono costituiti all’88% di acqua, e contegono una buona quantità di fibra.

Sapore: ricorda vagamente quello dei piselli freschi appena colti ma anche quello degli asparagi più teneri. Comunque fresco, dolce e delicato.

Come utilizzarli in cucina: possono essere utilizzati sia crudi che cotti. Le foglie più tenere sono un  ingrediente saporito per tante insalate (ad esempio a base di cannellini o di ravanelli, ma anche con foglie verdi).  Sono eccellenti anche per zuppe, risotti, ripieni di ravioli, gnocchi, torte salate, soufflè e  frittate . Possono diventare la base di un ottimo sugo per la pasta (ripassati in padella con  extravergine e aglio e con l’aggiunta di pomodoro a pezzetti).

strigoli

 

 

 

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Share This