#ILMIOORTOLANO: FOTOGRAFA DOVE COMPRI FRUTTA E VERDURA

Dipinto L'ortolana di vincenzo Campi

#ilmioortolano

Oggi è nato per caso #ilmioortolano, ovvero l’idea di invitare voi, intendo dire  i lettori di questo blog, a raccontare in fotografia le situazioni in cui comprate la verdura e la frutta. Gli ortolani -o fruttivendoli come si dice al Nord- , i mercati rionali, i reparti ortofrutta dei supermercati, insomma.

Vi spiego com’è andata: stamattina mentre pigroneggiavo a letto stavo, infatti,  ripassando le immagini salvate sul mio ipad per vedere di fare un po’ di pulizia (indispensabile, altrimenti il suddetto tra un po’ esplode!),  quando mi sono capitate sotto gli occhi alcune foto che ho scattato a negozi di ortolano che per un motivo o l’altro mi avevano colpito, o a angoli di reparti ortofrutta dei vari supermercati in cui faccio la spesa. Sono fatta così: davanti a un cavolo romanesco verde brillante ben esposto, o una parata di lattughe locali non riesco a controllarmi. Devo tirare fuori lo smartphone dalla borsa e clic!, immortalare la situazione.

Allora si è accesa la lampadina: perchè non invitarvi tutti a fotografare i luoghi dove vi approvigionate di arance, mele, pere, insalate, carciofi, eccetera? Perchè non suggerirvi di fermarvi per un attimo a rendere omaggio con un clic a questi punti vendita che sono una festa di colori e di profumi, dove si trovano alimenti tanto importanti per la nostra salute?  Così è nata l’idea di #ilmioortolano ( proprio così, con l‘hashtag davanti, come si usa su Twitter, per facilitare la ricerca online).

Il mondo della moda da tanto tempo si autocelebra sui vari canali social con foto di ogni genere, perchè non applicare la stessa attenzione agli ortolani? In fondo espongono e vendono dei capolavori della natura di cui tutti fruiamo,  che nulla hanno da invidiare a un capo di Armani o di Desigual. Oltrettutto non passano mai di moda (anche se, va detto, anche per quanto riguarda il settore ortofrutta esistono trend che ci spingono a comprare -magari solo per provarlo- un prodotto piuttosto che un altro, vedi ad esempio la riscoperta di ortaggi dimenticati come i topinambur, in atto da qualche tempo).

In pratica: se volete essere della partita che non è un concorso a premi, sia ben chiaro, ma solo il piacere di condividere delle immagini o delle emozioni in una galleria virtuale sempre aperta al pubblico, munitevi di uno smartphone (non occorre sia dell’ultima generazione, il mio, per esempio, è quasi un reperto archeologico), un tablet  o una macchina fotografica e quando andate a fare la spesa di frutta e verdura catturate qualche scatto che racconti il posto dove vi trovate. L’insegna, un angolo del negozio o del banco, dei prodotti esposti  in maniera originale, l’addetto alle vendite o il proprietario del negozio …tutto va bene!  Non occorre essere dei Richard Avedon o dei Gianni Berengo Gardin, non è un concorso di abilità professionale, state tranquilli .  Comunque riusciranno le vostre foto andranno benissimo. Poi potete postare le vostre foto sulla pagina Facebook di InsalataMente, potete twittarle a @InsalataMente o taggare InsalataMente su Instagram, sempre aggiungendo l’hashtag #ilmioortolano e la situazione dove avete scattato la foto (es:negozio tal dei tali in via tal dei tali a Roma). Potete anche inviarmele all’indirizzo email posta(chiocciola) insalatamente.com.

Buone foto tra frutta e verdura, allora!

 

Per illustrare l’idea de #ilmioortolano ho preso in prestito il bellissimo dipinto che vedete sopra:  L’ortolana di Vincenzo Campi, opera del 1589 esposta alla Pinacoteca di Brera a Milano.

 

banco di radicchi al mercato

#ilmioortolano: un banco del Viktualienmarkt a Monaco di Baviera

 

Reparto ortorutta di supermercato per #ilmioortolano

#ilmioortolano: reparto prodotti locali alla Coop di Viareggio

 

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *