L’INSALATA ORA È COOL, L’HO SCOPERTO TRA LE JAGUAR

Cool come un’insalata

 Qualche giorno fa sono stata alla presentazione alla  stampa di Taste of München,  l’evento gastrofighetto che si terrà in agosto a Monaco di Baviera, riproponendo la fortunata formula di  quel “Taste” che sta girando il mondo.

In sintesi: per tre  giorni in agosto nel meraviglioso Englischer Garten, che è il parco urbano più grande del mondo,  cucineranno alcuni degli chef più famosi della città.  Non solo,  ci saranno  ci saranno  anche corsi di cucina, esibizioni di cucina innovativa di alto livello, eccetera eccetera.

Se volete saperne di più cliccate qui, ma è ovviamente tutto in tedesco, altrimenti aspettate il 3-6 agosto perchè sicuramente farò un salto a questa manifestazione e ve la racconterò da queste pagine.

Il motivo per cui vi racconto della presentazione alla stampa organizzata nello showroom della Jaguar e della Land Rover (un gran bel vedere di automobili)  però , è un altro. Il buffet, per la precisione. Quello che è stato offerto, insomma, agli altrettanto super cool giornalisti presenti all’incontro, dopo la presentazione di rito. Per altro ben fatta, concisa, senza chiacchiere inutili, fossero tutte così)

Un buffet all’80% costituito da insalate. Proprio così, INSALATE. Lo scrivo a caratteri maiuscoli per sottolinearlo. OK, avrei potuto sottolinearlo, ma così mi pare più convincente. Non le solite  tartine e pasticcini, ma insalate di tanti tipi diversi, preparate con mani diverse dagli chef presenti.

Insalate di impronta asiatica (ne ho assaggiata una fantastica!), insalate di cous cous,di quinoa, d’orzo, di carne, di pesce,  vegane, vegetariane,eccetera eccetera. Presentate in ciotoline,  semplici bicchieri, ma anche miniconi da fingerfood. Forse quella che mi è piaciuta di più è stata la fetta di zucchina marinata  per 24 ore in aceto e tè bancha,  un tè giapponese povero di teina.

Insomma, l’insalata è diventata cool. Le insalate  finalmente sono diventate il piatto con cui titillare il palato  degli ospiti anche negli eventi sciccosi. Se penso alle tonnellate di tagliate alla rucola e crespelle offerte alla stampa a Milano negli anni della “Milano da bere” mi viene un capogiro. Mai e poi mai sarebbero state servite solo delle insalate. Per mal che andasse, era un tripudio di pizzettine  e olive all’ascolana. Ma piattini di insalata come quelli che ho visto l’altro giorno, mai.

Meglio così, sono felice che l’insalata sia diventata cool. Almeno a Monaco di Baviera.

 

Qui sotto trovate un po’ di foto scattate con il cellulare nell’occasione. Vi daranno l’idea di quello che vi ho appena raccontato. Potete vedere anche i due bei ragazzi  che preparavano smoothie a tutto spiano, per dare il benvenuto agli ospiti in maniera salutare. Io, confesso, ho tradito gli smoothie per un cappuccino offerto dalla Illy, che avrà un bel ruolo a Taste of Muenchen. Un cappuccino perfetto, un’araba fenice a Monaco di Baviera.

 

cool l'insalata asiatica in ciotolina turchese

 

insalate cool a un buffet

 

insalate vegetariane cool su piattini di legno

 

insalate cool come finger food

 

insalata di quinoa e barbabietola in bicchiere

 

insalate cool in vetrina

 

chef che condisce un' insalata

 

insalata asiatica

 

preparazione smoothie

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Share This