MAI PIÙ SENZA PELAPOMODORI

 

Se me ne avessero parlato qualche anno fa avrei pensato che era solo  un gadget inutile, il pelapomodori. Ma da quando uno di questi utensili da cucina mi è capitato tra le mani non posso più farne a meno.  Addirittura sono arrivata al punto di andare di corsa a comprarne uno nuovo a Lucca quando mi sono resa conto di aver lasciato in un cassetto della cucina tedesca il fido pelapomodori che uso nei mesi invernali quando sono costretta ad avere a che fare con i pomodori che arrivano dall’Olanda (con bucciona insopportabile).

Questo semplice utensile da cucina è un aiuto geniale quando una ricetta richiede la pelatura dei frutti  e la successiva eliminazione dei semi. Questi ultimi, mi spiace,  bisogna continuare a eliminarli a mano (ma ci vuole un attimo), mentre per la pelatura dei pomodori con il pelapomodori si fa in quattro e quattr’otto, evitando tutto il rito del tuffare i pomodori in acqua bollente fino a quando la buccia si spacca e poi pelarli a mano, a suon di dita scottate. Si risparmia sul tempo, sul consumo di acqua e di gas e le dita ci sono riconoscenti.

Di fatto  il pelapomodori funziona come un pelapatate,  ma ha una lama seghettata oscillante  che riesce ad arrivare anche nei punti più tondeggianti di tutte le bucce lisce, quindi non solo dei pomodori ma anche dei peperoni, delle melanzane e di tantissimi frutti. Anche sui kiwi va alla grande!

Si impugna con la mano destra (sinistra se siete mancini) e si fa scorrere la lama sul pomodoro, tenuto saldamente con l’altra mano. Tutto qui! Un’operazione che di solito è una scocciatura si risolve in un attimo.

Ovviamente funziona sui pomodori di una certa dimensione, scordatevi di pelare ciliegini e datterini.

Quanto alla scelta del pelapomodori migliore, il mio consiglio è quello, come sempre, di acquistare un prodotto di buona qualità, possibilmente con l’impugnatura in nylon, così da poter essere messo in lavastoviglie senza problemi.Comunque si tratta di spese da pochi euro…

pomodoro con pelapomodori

 

 

 

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Share This